Ti trovi in Home page>Due testi, due voci, due sguardi e un unico obiettivo: tener viva la memoria sul caso Ilaria Alpi

Data: 13 Dic 2019

Due testi, due voci, due sguardi e un unico obiettivo: tener viva la memoria sul caso Ilaria Alpi

Lascia un CommentoStampa la notiziaCondividi su facebook
Due voci sito.jpg

 

Venerdì 13 dicembre 2019 la Biblioteca Internazionale Ilaria Alpi propone un nuovo momento di approfondimento dedicato alla giornalista Ilaria Alpi assassinata 25 anni fa a Mogadiscio insieme al cineoperatore Miran Hrovatin mentre indagava su un presunto traffico di rifiuti tossici dall’Europa alla Somalia e su un commercio illegale d’armi. Dopo 25 anni il delitto è ancora senza colpevoli e nei giorni in cui Il GIP di Roma ha rigettato la richiesta di archiviazione disponendo nuove indagini, la Biblioteca Internazionale propone agli studenti delle scuole superiori di Parma e alla cittadinanza intera una mattinata di riflessione che si svolgerà a palazzo del Governatore alle ore 10.30.

L'occasione è la presentazione del libro “La strada di Ilaria - Non tacere” (Milieu edizioni, 2019) alla presenza degli autori Francesco Cavalli e Mariangela Gritta Grainer.

Due testi, due voci, due sguardi, un unico obiettivo: tenere viva la memoria su uno dei casi più oscuri della storia italiana recente. "La strada di Ilaria" racconta i fatti sui quali lavorava Ilaria Alpi e le ragioni della sua morte. Un caso scomodo che la giustizia italiana sta cercando di chiudere, benché sia rimasto fino a oggi senza responsabili. Traffici di armi e di rifiuti tossici, corruzione, misteri nello storico rapporto fra Somalia e Italia: una storia che deve essere raccontata. Un romanzo rigoroso nelle informazioni e poetico nelle parole, che riesce a raccontare tante storie, unite tra loro dal filo sottile, ma vero e indispensabile, della verità e del rispetto della memoria. "Non tacere", un'inchiesta scritta in forma di orazione civile, ripercorre le tappe del lungo iter giudiziario con cui si è cercato di mascherare quella che è stata una vera e propria esecuzione, consumatasi il 20 marzo 1994 nel "più crudele dei giorni". Ripercorrendo tutti i tentativi di insabbiamento, le contraddizioni e le connivenze che negli ultimi anni si sono susseguite sul caso Alpi, Mariangela Gritta Grainer smonta puntualmente le ipotesi di tentativo di sequestro e/o di rapina finite male e sostiene, con documenti finora inediti, la tesi dell'esecuzione. Non tacere: una scelta etica che si rintraccia sempre nei lavori di Ilaria. Per questo è stata assassinata, perché tacesse per sempre e non potesse più raccontare.

Introdotti dal giornalista Carlo Brugnoli dialogheranno con gli studenti due ospiti particolarmente significativi per il caso Alpi: Francesco Cavalli, giornalista che è stato tra i fondatori del Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi e che a Ilaria Alpi ha dedicato reportage, inchieste, libri e testi teatrali, e Mariangela Gritta Grainer, deputato della Repubblica e componente della Commissione bicamerale d’inchiesta sulla cooperazione con i paesi in via di sviluppo che è stata presidente dell’Associazione Ilaria Alpi.

Una mattinata interamente dedicata alla ricerca della verità sul “caso Alpi” e al giornalismo d’inchiesta. Agli studenti verrà proposta la figura di Ilaria Alpi, una giornalista specializzata in questioni internazionali ed interessata alle questioni politiche, sociali e civili di un quadrante geo-politico molto conflittuale come il mondo arabo, un esempio per le nuove generazioni per la sua professionalità, competenza ed etica professionale.

Incontro aperto alle scolaresche e al pubblico interessato fino ad esaurimento dei posti disponibili.

info:

Venerdì 13 dicembre 2019, ore 10.30, Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi 19, Parma.

Biblioteca Internazionale Ilaria Alpi - Vicolo delle Asse 5, 43121 Parma, Italy